Erreur dans requête MySQL : Table 'suisseshotokan_0.club' doesn't exist
  STAGE SPECIALI
FORUM
Erreur dans requête MySQL : Table 'suisseshotokan_0.club' doesn't exist

La maggior parte dei nostri soci ha già partecipato, più o meno spesso, a corsi speciali. Stando così le cose, e tanto più che questi workshop sono stati istituiti in origine più in particolare per i praticanti "junior", abbiamo voluto orientare questo forum in modo da rispondere meglio alle legittime domande che sorgono nella prospettiva di una prima (e, speriamo, molte altre dopo!) partecipazione a questi workshop piuttosto speciali, che sono una delle caratteristiche originali della forma "tradizionale" di pratica della scuola Shotokan del Maestro OHSHIMA.

Domanda : Prima di tutto, perché il termine "speciale"?

SSK: In realtà, questo deriva dal termine inglese "special training", a sua volta stabilito dal Maestro OHSHIMA per designare questi periodi di formazione un po' diversi dalla formazione abituale, anche spinta, nel Dojo.

D.: In cosa sono diversi esattamente?

SSK: Prima di entrare nel dettaglio, si possono individuare due aspetti principali, che sono particolarmente correlati in questo caso, vale a dire :

- da un lato, un ritmo e un'intensità elevata delle sessioni di allenamento, che crea le condizioni per un costante superamento dei limiti fisici di ogni individuo,
- d'altra parte, il richiamo permanente alle risorse mentali e al loro rafforzamento, necessario per questo superamento fisico in ogni "lotta contro se stessi".

Il programma - e l'atmosfera generale - sono mantenuti con cura in modo che ognuno possa trovare dentro di sé le risorse giuste per raggiungere l'obiettivo desiderato.


Allenamento d'inverno (Bernex GE)

D.: Siamo gli unici ad offrire questo tipo di stage?

SSK: Il concetto originale del "Gasshuku" (termine giapponese per questi raduni tradizionali) è stato ripreso da alcune organizzazioni, anche se non da molte, va detto. Questo per paura di vedere i membri che cercano altrove un po' più di "tutto" e "subito".

D.: Ci sono persone che fanno "crack" in questi corsi?

SSK: Innanzitutto è necessario specificare che possono partecipare solo i professionisti dei Dojo delle Associazioni OHSHIMA Shotokan, precedentemente "qualificati" dal loro Dojo Manager, sulla base di criteri che garantiscano loro la "fattibilità" teorica dell'operazione. Per questo motivo non è consentito lasciare il corso in qualsiasi momento, salvo casi eccezionali di forza maggiore (salute, famiglia, ecc.) autorizzati dal Direttore del corso. E, da molti anni a questa parte, non è mai successo che un praticante si sia dimesso di fronte a una sfida autoimposta.

D.: Quindi sono ancora dei professionisti eccezionali?

SSK: Per niente, non dobbiamo immaginare eroi o superuomini, ma persone normalmente costituite, con un approccio sincero e disinteressato alla chiave, preparate fisicamente e mentalmente proprio quello che serve. Si potrebbe dire che chiunque può farlo, purché lo voglia davvero. Questo può essere misurato dal semplice fatto che le persone vengono e tornano più e più volte, sapendo cosa li aspetta, o forse proprio perché lo sanno.


Allenamento d'estate (Lenk VS)

D.: In cosa consiste il programma "tecnico"?"

SSK: Si svolge secondo uno scenario di base prestabilito, con alcune variazioni a seconda del numero di giorni consentiti (tre o quattro in generale), con una media di tre sessioni di formazione al giorno, modulata in base ai gruppi di partecipanti (cinture bianche, marroni e nere). Diciamo subito che, salvo alcune osservazioni particolari, non esiste un corso "tecnico" in quanto tale, ogni sessione viene spesa eseguendo senza tecniche di base a tempo morto (Kihon), Kata o i cosiddetti assalti regolamentati "convenzionali", principalmente sotto forma di "Sanbon Kumite". Inoltre, ci sono alcune "originalità", come ad esempio il mantenimento della postura "Kiba Dachi" per un'ora o un'ora e mezza, a seconda dell'età dei praticanti.

D.: Che cosa intendi dire?

SSK: Si spera che l'intensità dello sforzo possa essere indipendente dall'età. Per questo motivo, per chi ha più di quarant'anni e poi cinquant'anni, alcune fasi dell'esercizio fisico sono state intenzionalmente ridotte (non poche infatti) in modo che, tenendo conto delle normali potenzialità fisiologiche oltre questa età, la qualità e l'intensità dell'allenamento possano essere mantenute al miglior livello dei praticanti più giovani.

D.: In conclusione, come si potrebbe definire il beneficio degli stage?

SSK: Prima di tutto, i progressi sono stati fatti "a breve termine", perché ripetere centinaia, anche migliaia di volte in poche sedute, tecniche di base e Kata al di là dell'esaurimento fisico, fa un vero progresso tecnico. Poi, si sono migliorate le proprie qualità di resistenza e di resistenza fisiologica. E infine, quello che non è di gran lunga il minimo beneficio, il guadagno "a lungo termine" è il rafforzamento, spesso inconsapevole all'inizio, del suo potenziale mentale. Questo si tradurrà gradualmente in un cambiamento di comportamento e di percezione nella vita quotidiana, migliorando le qualità relazionali, la resistenza allo stress, il "lasciarsi andare" e l'apertura mentale.

D.: Tutto questo ti fa venir voglia di provare...

SSK: Beh, questo non mi sorprende affatto! Allora ci vediamo al prossimo "allenamento speciale"!


Ver.7.4.33 · Copyright © 2023 · All rights reserved · Designed and powered for Suisse Shotokan Karate®